Welfare Card di Eudaimon, la soluzione per chi applica il Ccnl dei metalmeccanici

, , ,

Emanuele Cipriani, Direttore Commerciale di Eudaimon

Una soluzione agile ed economica per il welfare aziendale. Si chiama Welfare Card ed è lo strumento che consente alle aziende di mettere a disposizione dei propri dipendenti un paniere ricco e diversificato di beni, servizi e prestazioni di welfare aziendale. A proporla è Eudaimon, la società che per prima – a partire dagli inizi degli Anni 2000 – ha portato in azienda la cultura del benessere delle persone. “Welfare Card permette di offrire servizi di vero welfare e dà una risposta ai reali bisogni delle persone”, spiega Emanuele Cipriani, Direttore Commerciale di Eudaimon.

Da tempo l’attuale situazione sociale del nostro Paese è caratterizzata da elevati tassi di invecchiamento e da una bassa natalità che di conseguenza fanno nascere bisogni di cura e assistenza sempre più complessi ai quali il primo welfare non riesce a rispondere. A fronte di questo scenario le famiglie devono intaccare i propri risparmi – a volte anche indebitandosi – per accedere ai servizi di welfare, finendo però per accelerare un circolo vizioso che ha di fatto condotto al peggioramento delle generali condizioni di vita.

A essere più penalizzate sono soprattutto le donne: l’ultima indagine Ipsos per Farmindustria lo ha confermato, evidenziando come l’86% delle persone che si prende cura dei malati in casa è donna. Il welfare aziendale è quindi in grado di contribuire a un ampliamento della copertura sociale, restituendo sicurezza ai lavoratori e contribuendo anche al superamento del Male Breadwinner Model (letteralmente modello in cui è ‘l’uomo che porta a casa il pane’).

Se le grandi aziende hanno da tempo introdotto piani di welfare per il proprio personale, differente è la situazione nelle Piccole e Medie Imprese: secondo i dati diffusi dal laboratorio di ricerca Percorsi di secondo welfare, il welfare aziendale è più diffuso nelle imprese con più di 49 dipendenti (69%) e nelle aziende con oltre 10 milioni di euro di fatturato (82%). Welfare Card si configura come la soluzione ideale sia per le grandi imprese, sia per tutte quelle organizzazioni di dimensioni più contenute che si stanno affacciando al welfare.

Tra queste anche le aziende che applicano il Contratto collettivo nazionale dei lavoratori (Ccnl) del settore Metalmeccanico, il cui rinnovo del 26 novembre 2016 è stato il primo a prevedere l’introduzione obbligatoria di un piano di beni e servizi di welfare per tutte le imprese del settore (100 euro nel 2017; 150 nel 2018; 200 nel 2019), al quale sono seguiti i rinnovi di Orafi e Argentieri e Telecomunicazioni: si tratta di oltre 201mila imprese coinvolte per un totale di 1,7 milioni di lavoratori, la cui stragrande maggioranza è impiegata in imprese con meno di 250 dipendenti (oltre il 70% del totale).

Proprio per agevolare le numerose aziende coinvolte nell’erogazione del welfare previsto dai Ccnl, Eudaimon mette a disposizione la Welfare Card “che ben si concilia con le necessità delle PMI” e che “va nella direzione di offrire servizi in linea con quanto indicato da Federmeccanica nell’apposita Guida operativa al welfare aziendale, successiva al rinnovo del contratto dei Metalmeccanici”.

 

L’intervista completa è stata pubblicata sul numero di Marzo di Sistemi&Impresa.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434419)

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano