Tag: welfare

risorse umane

, , ,

In alcune realtà aziendali italiane, in particolar modo nelle organizzazioni a carattere familiare, l’arrivo di una risorsa rappresenta l’inizio di una nuova storia lavorativa la cui durata può essere più o meno lunga.
Sin dal principio lavoratore e azienda puntano a scrutarsi, a conoscersi, a porsi domande più o meno simili, anche se occupano due poli diametralmente opposti: avrò scelto bene? Rispecchierà le mie aspettative? È la persona/Azienda giusta? Su questi e tanti altri interrogativi, il fattore tempo –un po’ come nella vita– gioca un ruolo primario e aver avuto ragione o torto nell’aver selezionato la risorsa “X” o scelto l’azienda “Y” richiede pazienza e riflessione. Leggi tutto >

,

Il Governo giapponese ha studiato una modalità per sconfiggere – o almeno alleggerire – la ‘sindrome da lunedì’, ossia quella sensazione di ansia legata al lavoro che comunemente attanaglia a partire dalla domenica sera: permettere ai lavoratori di prendersi la mattinata  libera. Come riportato dal Telegraph, grazie all’iniziativa chiamata Shining Monday, il Ministero dell’Economia nipponico sta portando avanti la sua missione volta a migliorare la conciliazione vita-lavoro. Leggi tutto >

, , ,

Dai dati raccolti dall’Agenda HR, l’annuale ricerca sui trend e le sfide per chi si occupa di gestire le persone che OD&M realizza con ESTE, è emerso che gli Amministratori Delegati nel 2018 puntano a implementare il wellbeing dei dipendenti, perché occuparsi del benessere delle persone aumenta la produttività.

Ma tra il dire e il fare ci sono di mezzo…i costi. Da una ricerca effettuata da Willis Towers Watson, so­cietà leader nella consulenza direzionale e organizzativa, è emerso che ben il 64% dei datori di lavoro italiani è preoccupato per la crescita dei costi dei benefit (a fronte del 55% dell’area Emea); il 50% per l’impatto dei cambiamenti normativi e il cambiamento dei benefit obbligatori; il 44% di avere un budget insufficiente per realizzare i cambiamenti necessari nei piani di benefit. Leggi tutto >

, , , ,

Supporto alle genitorialità, welfare aziendale, formazione e Smart working: sono queste le iniziative attivate da Schneider Electric attraverso il nuovo contratto integrativo nazionale per il triennio 2018-20, approvato a seguito della conclusione della contrattazione aziendale di Secondo livello.

L’azienda, in ottica migliorativa rispetto a quanto previsto dalla legge italiana in merito, ha deciso di estendere i giorni di congedo parentale per i neo padri, aggiungendo ai quattro giorni obbligatori altri tre di permesso retribuito nel 2018 e ulteriori tre nel 2019, raggiungendo così un totale di 10. Schneider Electric inoltre mette a disposizione un contributo economico per la nascita di ogni figlio da fruire in beni e servizi attraverso la piattaforma di welfare aziendale. Leggi tutto >

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano