Tag: Paola Salazar

Legge Smart Working

, , , , , , , , , , , , ,

Il Disegno di legge che include anche lo Smart working o lavoro agile è stato approvato. L’aggiunta di “anche” è d’obbligo, perché nel provvedimento sono state indicate sia “le misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato” sia “le misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale”. In sintesi: maggiori tutele per i lavoratori autonomi e possibilità di lavorare da remoto per quelli subordinati. Come funziona la nuova legge? La normativa sullo Smart working fissa con chiarezza le nuove regole per la prestazione in modalità ‘agile’ con l’obiettivo di incrementare la competitività e agevolare la conciliazione vita-lavoro, ma senza creare una nuova tipologia contrattuale. Il focus, infatti, è sulla modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato che deve avvenire in parte all’interno dell’azienda e in parte all’esterno, senza una postazione fissa ed entro i limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale (i limiti sono stabiliti dalla legge e dalla contrattazione collettiva). La legge –e questa è una delle novità– impone l’obbligo di un “accordo scritto” da firmare all’inizio del rapporto di lavoro oppure durante il contratto: l’intesa prevede l’individuazione dei tempi di riposo e le misure tecniche e organizzative per assicurare la disconnessione dalle tecnologie. Leggi tutto >

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Dopo il successo dell’edizione padovana del febbraio scorso, per il ciclo di incontri di Sviluppo & Organizzazione, si è tenuta a Milano la seconda tappa dedicata al welfare aziendale. L’iniziativa è stata sostenuta dai principali attori del mercato: Studio Legale Chiomenti, Coopselios, Day Ristoservice, Edenred, Ieo, Muoversi, Sodexo, Welfare Company e Willis. Tra i temi affrontati, il valore del welfare come leva d’eccellenza per la gestione delle persone, le metodologie che consentono di implementare piani di welfare aziendale, la cultura dei flexible benefit, il concetto di qualità della vita come responsabilità dell’azienda, il welfare e le problematiche fiscali. Presenti anche importanti voci dal mondo delle imprese: casi di aziende eccellenti che hanno sviluppato efficaci politiche di welfare aziendale a sostegno dei propri dipendenti e dei territori limitrofi. Leggi tutto >

, , , , , , , , , , ,

Pratiche aziendali e riflessione teorica a confronto sul benessere organizzativo

Non è facile attualmente parlare di benessere organizzativo –tema sfidante per l’Hr manager– a causa della criticità della situazione odierna nel mondo del lavoro, intrisa di precariato, insicurezza e diffuso stress. È tuttavia opportuno parlarne, soprattutto dal punto di vista psico-sociale, per l’elevato grado di reciprocità della relazione tra organizzazione e lavoratori: infatti se l’organizzazione investe in benessere –con formazione, supporto nella gestione del lavoro e dello stress, attenzione al bilanciamento delle richieste di conciliazione casa-lavoro, iniziative di welfare aziendale ecc.– i lavoratori si sentono impegnati, ritenendo che ciò sarà riconosciuto e apprezzato, in comportamenti di restituzione, che si traducono in performance superiori. I due soggetti che possono dar voce a un discorso sul benessere organizzativo in azienda sono il mondo Hr e gli attori che contribuiscono a preservare la sicurezza e la salute dei lavoratori. Asam, l’Associazione per gli Studi Aziendali e Manageriali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha dato vita agli Innovation Labs, gruppi di lavoro formati da manager e presidiati da un docente esperto sul tema specifico.
Tra questi, quello sul benessere organizzativo, presidiato da Fabiana Gatti, Responsabile formazione ASAM e ricercatrice e docente di Psicologia sociale della comunicazione mediata dell’Università Cattolica di Milano, e guidato da Paola Salazar, Senior associate dello Studio legale LabLaw, ha analizzato assieme ai manager partecipanti alcuni temi caldi –quali il work life conflict e il work life balance e il processo di valutazione dello stress lavoro correlato come occasione di miglioramento del benessere– con l’obiettivo di confrontarsi e condividere idee, modelli e prassi utili a migliorare il benessere aziendale. I risultati del tavolo di lavoro sono stati presentati nel primo evento del 2012 rivolto alle aziende, svoltosi il 25 gennaio presso l’Università Cattolica. Leggi tutto >

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano