Tag: outplacement

, , ,

Intervista a Cetti Galante, Amministratore Delegato di Intoo
di Dario Colombo

La tecnologia, contrariamente a quanto dicono gli scettici, è in grado di creare un circolo virtuoso per l’azienda e le persone dell’organizzazione: sarebbe riduttivo fermarsi a osservare che sempre più il lavoro dell’uomo sarà sostituito dalle macchine. In quest’epoca di digital transformation, infatti, le persone restano al centro, ma per non essere escluse dalla trasformazione in atto e per cavalcare il cambiamento devono curare costantemente le loro competenze. Solo così la tecnologia può diventare un alleato anche per le aziende, destinate a essere flessibili per competere a livello globale. Ecco allora che in futuro avremo imprese snelle che si rivolgeranno a liberi professionisti per vari servizi: un modello in cui rischi e benefici non sono più ad appannaggio esclusivo delle aziende, ma sono condivisi con i singoli individui in un sistema allargato.

Leggi tutto >

,

Di Pier Luigi Celli

Tanto, poi, bisogna lasciare. La vita, si sa, gira per suo conto, ha le sue confusioni che è impossibile controllare in anticipo; divaga più del necessario e accelera quando meno te lo aspetti. Così, quando arriva il momento, ti trovi sempre fuori tempo.
Nel disordine, ci vorrebbe qualcuno come punto di riferimento; aiuterebbe quando le cose si mettono al brutto. Ma questo lo scopri solo dopo, ed è già tardi.
Hai fatto pulizia di ricordi e di passioni, hai scelto l’essenziale anche nei rapporti. Nel via vai di incontri, ora resta solo chi proprio non poteva farne a meno.
A dimenticare i più, persi per strada, ha contribuito via via la cattiva coscienza del tempo superfluo che hai dovuto sterilizzare, anche perché, alla fine, lo spazio è quello che è: non c’è disponibilità per tutti.
Il peggio, se mai, viene quando ti perdi quelli che sembravano indispensabili e non hai neppure il rimorso del loro distacco, tanto i conti, in un senso o nell’altro, alla fine non tornano quasi mai. E così ora bisogna lasciare.
A pensarci bene non sai neppure se sia quello che ti aspettavi – dovevi pur sentirlo che prima o poi sarebbe accaduto – con tutti gli anni che sono passati a fare altro. E non vale adesso, a consolarti, ricordare che pure qualche volta te lo eri anche detto che alla fine doveva succedere. Quando avviene è tutta un’altra cosa. Comese qualcuno ti stesse colpendo alle spalle. E staccarti ora dal tuo mondo è come tagliarti una parte di te, guardare – con sorpresa? – quello che sei stato e non trovare un aggancio; qualcosa che ti spinge dentro a un panorama che ti è oscuro, e non c’è nessuno che sia lì a darti una mano per sistemare i pezzi che sfumano senza combaciare.
Ti giri intorno e hai l’impressione che tutti, ora, guardino da altra parte. La vita continua, l’organizzazione gira, gli impegni non fanno sconti; bisogna pure che le cose funzionino. Il business non ammette vuoti.
Raccogli le tue carte e ti sorprendi per quante storie, che un tempo ti hanno tormentato, ora sembrano pallide espressioni di problemi senza alcuna importanza.
Leggi anche, distrattamente, corrispondenzedisseminate negli anni, cercando di collegare dei volti alle espressioni, ora ultimative ora accomodanti, riportate in scambi che furono la trama di tutta una vita. Ma non c’è nulla che ti appaia ora così rilevante da poter giustificare gli anni che ci hai perso attorno.
Cresce un misto di rassegnazione e di nausea, quasi che tutti i nodi si ammassassero improvvisamente, con quell’arroganza che richiederebbe un animo diverso, e un tempo meno volatile, per essere presi in considerazione. Forse è proprio il momento giusto per lasciar perdere. Così spegni la luce, dai un’ultima occhiata alla tua stanza ormai vuota di tutto, cavea nuda senza più memorie; e chiudi la porta. Se c’è qualcuno che piange, nella stanza accanto, fai finta di non sentire.

Leggi tutto >

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Intervista ad Alessandra Giordano, direttore delivery di Intoo, e Antonella D’Apruzzo, Learning & Development Director di Asset Management

di Chiara Lupi

Le persone in fase di transizione scolastica/professionale devono poter essere supportate in modo adeguato. Ma esistono professionalità in grado di fornire questo servizio in modo efficace? Esistono competenze per dare supporto alla persona in una fase della vita tanto delicata e critica? Certamente no, esiste un vuoto di competenze che deve essere colmato. Partendo da questa consapevolezza Intoo e Asset Management hanno progettato il primo Corso di Alta Formazione ‘Labour Market Specialist’ con l’obiettivo di formare professionisti di ricollocazione che saranno sempre più strategici per il nostro mercato del lavoro.

Leggi tutto >

, , , , ,

Intoo (Gi Group), protagonista in Italia nel supporto alla ricollocazione professionale, lancia il portale di nuova generazione Intoo4You

La piattaforma permette alla persona in fase di transizione di carriera di esser affiancata oltre che da un rapporto umano con il consulente, da un nuovo strumento online utile a preparare con maggior efficacia la sua nuova proposizione sul mercato. Intoo4You è il primo portale non di matrice americana, ma studiato e realizzato in Italia e customizzato sulle esigenze e caratteristiche del mercato del lavoro italiano e degli italiani che vogliono cogliere opportunità in altri Paesi. Grazie a Intoo4You le persone possono con semplicità affrontare le sfide della ricerca di una nuova occupazione attraverso strumenti e tools altamente organizzati e accessibili autonomamente in qualunque momento, in qualsiasi luogo.

Leggi tutto >

  • 1
  • 2
  • 6

© 2017 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano