Tag: Formare e formarsi

libellula_progetto.jpeg

, , ,

Aiutare le persone a coltivare i propri talenti. Coinvolgere e ingaggiare i dipendenti. Oggi questi sono temi cruciali per un’organizzazione. Riconoscere qual è la ‘buona formazione’ non è però un compito facile, così come riuscire a trovare piacere di apprendere.

Sulla base di questi spunti di riflessione si è sviluppata la tappa milanese del 2019 di Formare e Formarsi, il progetto convegnistico della rivista Persone&Conoscenze rivolto a chi si occupa di formazione all’interno delle medie e grandi aziende. Leggi tutto >

, , ,

Di fronte al rapido mutare dello scenario economico, politico, culturale e tecnologico, di fronte al frequente cambiamento del mercato e delle strategie aziendali, è necessario continuare a imparare lungo l’intero arco della propria vita professionale, utilizzando mezzi diversi, dall’aula all’autoformazione sulla Rete.

Fino a qualche tempo fa si diceva che nessuno potesse immaginare il lavoro futuro dei propri figli. Secondo numerose ricerche, il 60% dei lavori cambierà nell’arco dei prossimi cinque anni. Questa trasformazione riguarda quindi tutti noi e per questo ci dobbiamo attrezzare, coltivando il piacere di apprendere. I lavoratori dovranno sviluppare nuove abilità, non basterà avere un bagaglio di skill, hard e soft, saranno necessarie competenze nuove. Leggi tutto >

francesco varanini

, , ,

Non credo che l’Intelligenza Artificiale vada accettata a partire dal fatto che qualche tecnico si diverte a vedere cosa succede giocando con l’innovazione. Questo atteggiamento di tecnici ed esperti –lasciateci giocare e poi adattatevi– va combattuto. Il problema è che, come scrive giustamente Anja Puntari, questi tecnici vengono da una scuola che li ha fuorviati: “Un percorso scolastico fortemente cognitivo e mnemonico”.

Il modello è ‘imparare e ripetere’ e ‘premiare e punire’: “Abbiamo imparato che esiste un modo giusto, una risposta giusta e miriamo con i nostri comportamenti a quello”. Essendo stati educati così, finiamo per progettare macchine che crediamo imitino il meglio dell’essere umano e invece sono macchine che, se mai arriveranno a ragionare in proprio, ragioneranno in base al principio di ‘imparare e ripetere’ e al principio di ‘premiare punire’.

Macchine che

pretendono di fornire la ‘risposta giusta’ Leggi tutto >

, , ,

In un’epoca in cui le macchine prendono sempre di più il posto delle persone, quali opportunità di apprendimento sono rimaste all’uomo? Se ne è discusso nella tavola rotonda La formazione per tutta la vita: come allenarsi ad apprendere? nell’ambito dell’evento Formare e Formarsi, organizzato a Milano il 27 settembre 2018 dalla casa editrice ESTE e dalla sua rivista Persone&Conoscenze dedicata alla Direzione del Personale.

Dalla discussione è emerso che ci troviamo dentro questo rapido cambiamento tecnologico, nel quale siamo chiamati a individuare le nostre responsabilità e a uscire dalla zona di comfort. La curiosità e la voglia di apprendere devono guidarci in questo mondo sconosciuto per saper affrontare con maggiore consapevolezza le sfide del presente e del futuro.

I formatori, oggi, possono essere considerati come attivatori di coscienze e facilitatori che mettono in moto meccanismi capaci di ingaggiare le persone. La sfida è quella di interrogarci continuamente sui nostri metodi per saper uscire dalle nostre zone di comfort.

“Oggi dobbiamo essere capaci di guardare i dati e capire come interpretare le informazioni per prendere le decisioni migliori”, ha affermato Lucas Fabbrin, group global learning & development partner di Yoox Net-a-Porter Group. “Dobbiamo utilizzare il tempo che abbiamo a disposizione, grazie al fatto che le macchine sostituiscono alcune nostre mansioni, per imparare nuove capacità e portare valore all’impresa”.

“Bisogna riflettere sulle responsabilità individuali all’interno dell’azienda, mantenendo viva la formazione continua e valorizzando le capacità delle persone, che devono essere sempre al centro della strategia”, ha spiegato Mattea Maggioni, HR Business Partner di G. Sacchi Elettroforniture, sottolineando “l’mportanza del ‘come’ rispetto al ‘cosa’ fare” per coinvolgere le persone nell’apprendimento. “I processi organizzativi vanno rivisti e aggiornati per contribuire al miglioramento dell’azienda”.

Chiara Emma Parisi, Head of Costa Fleet Hotel Training & Leadership and Corporate onboard HR di Costa Crociere, ha parlato delle iniziative della sua azienda nell’ambito della formazione: “Abbiamo attivato programmi di mentorship e reverse mentorship che hanno l’obiettivo di far condividere le competenze tra i profili più senior e quelli più giovani”. Costa Crociere ha anche “programmi long-time di formazione continua del personale che abbracciano tutte le competenze formative, attraverso un learning officer, una persona che si occupa di erogare classi di formazione e amministra la apposita piattaforma formativa online”.

Per

Francesco Varanini Leggi tutto >

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - segreteria@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano

Trovi interessanti i nostri articoli?

Seguici e resta informato!