Tag: Davines

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Allineare il sogno delle persone al sogno dell’azienda. Darsi questo obiettivo e realizzarlo determina il successo di qualsiasi organizzazione. Parole che lasciano il segno quelle di Mauro Sirani, Amministratore delegato di Intertaba Philip Morris, che ha partecipato nella giornata di ieri alla tappa bolognese dell’evento Risorse Umane e non Umane. Le persone, ha detto con convinzione Sirani, devono sapere di contare, di avere un ruolo, devono sentirsi dei giocatori in campo, puntando all’eccellenza, anche prendendosi qualche rischio. E puntare a essere eccellenti, dandosi obiettivi sempre più sfidanti. Per questo ognuno deve lavorare su di sé, avere un progetto e lavorare per realizzarlo, come ha raccontato Paolo Braguzzi che ha recentemente pubblicato il libro Il progetto di vita, diventato anche un seminario. Ognuno dovrebbe ragionare su di sé come fosse un’impresa. Quel che succede dipende da noi. Per questo il progetto di vita ha a che fare con la responsabilità. Dobbiamo sapere alzare le aspettative e cercare sempre di dare il meglio. Tutti. C’è un dipartimento aziendale dal quale non tolleriamo errori e inefficienze: l’ufficio paghe. Qui si pretende l’eccellenza e non si tollera l’errore. Bene: tutta l’azienda, sottolinea Sirani, deve funzionare con la stessa tensione all’eccellenza. E trovare le persone che servono al nostro ‘progetto aziendale’ è diventato anche più semplice, grazie alla tecnologia. Alessandro Raguseo, General Manager Hivejobs, Gruppo Obiettivo Lavoro, ha raccontato delle modalità innovative che si possono mettere in atto affinché selezionatori, con competenze affini alle professionalità che stiamo cercando, possano entrare in contatto con facilità con i profili che servono. Profili che, spesso in ragione della loro età, hanno una naturale propensione all’utilizzo di strumenti che consentono una gestione elastica del colloquio. Banalmente, non è più necessario chiedere permessi per incontrare i selezionatori, con i quali si potrà stabilire un primo contatto via skype. Cambiano le modalità con le quali ci si interfaccia con le persone anche se resta tradizionale la modalità che un direttore delle risorse umane deve mettere in atto per conoscere le risorse sulle quali fare affidamento. Una è la strada: incontrarle. E questo ha fatto Stefano Savini da pochi mesi Direttore Risorse Umane e Organizzazione di Emilbanca, che ha girato le filiali una a una per incontrare i dipendenti. Con grande soddisfazione, perché i dipendenti in congedo per diverse motivazioni si sono recati appositamente in filale per stringergli la mano. Come dire, l’analisi di clima è fondamentale, ma un questionario non potrà mai supplire a una stretta di mano. Le persone devono sentire che non sono trattate come numeri, cosa che può accadere in contesti come i call center. Ma Laura Coato, Direttore del Personale del Gruppo Call&Call, ci ha raccontato che un modo diverso di fare business è possibile. L’etica è un acceleratore e l’azienda ha la possibilità di creare nuovi modi per avvicinarsi ai dipendenti. Le aziende possono diventare, soprattutto in alcuni territori, luoghi di aggregazione. E accorciare le distanze, rinsaldare un rapporto di fiducia, può essere semplice. Partire dal welfare, come ha raccontato Maurizio Boschini, Hr Manager di IMA Industries, può essere una strada. L’azienda distribuisce a prezzi simbolici il cibo della mensa che i dipendenti possono portare a casa. Un servizio dal valore percepito altissimo per i dipendenti, che risolvono il problema della cena dei loro familiari e sentono di poter contare su un’organizzazione che si occupa di loro. Questo per dire che il welfare (e ne parleremo a Milano il 14 maggio) è tutt’altro che una moda, ma una grande opportunità. Leggi tutto >

, , , , , , , , ,

Intervista a Paolo Braguzzi

a cura di Daniela Rimicci

Il progetto di vita. Idee e strumenti per definire cosa si vuole nella vita e magari realizzarlo è il primo libro di Paolo Braguzzi, edito da ESTE: un metodo pratico per realizzare se stessi, strumento utile ad acquisire consapevolezza di sé, dei propri intenti e persino dei propri sogni, e tradurli in azioni concrete per realizzarli. Chi sono i destinatari del Progetto di vita? Quali le specificità di un libro per realizzare se stessi? Qual è il tuo progetto di vita? Per realizzare un sogno dobbiamo prima esserne consapevoli. E poi scriverlo… Leggi tutto >

, , ,

A cura della Redazione

Il progetto di vita. Idee e strumenti per definire cosa si vuole nella vita e magari realizzarlo è il primo libro di Paolo Braguzzi, edito da ESTE. Il volume si pone come metodo pratico per realizzare se stessi, utilizzato in prima persona dall’autore, e poi condiviso con collaboratori e partecipanti al corso da cui il libro trae ispirazione. Si tratta di uno strumento utile ad acquisire consapevolezza di sé, dei propri intenti e persino dei propri sogni, e tradurli in azioni concrete per realizzarli. La sua bellezza risiede, infatti, nell’esperienza diretta, reale, senza intenti teorico-filosofici. Leggi tutto >

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

di Claudio Baccarani, Vittorio Mascherpa, Marco Minozzo

Parlare di benessere sul posto di lavoro significa pensare a come le persone possono ‘stare bene’ nel lavoro che fanno. Ma quale significato si può associare all’ampio concetto dello ‘stare bene’, ossia al vivere bene il tempo di lavoro? Un’analisi dei significati associabili alla parola ‘bene’, può aiutarci a svelare i tratti di questa condizione con l’insuperabile potenza della semplicità. Leggi tutto >

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - segreteria@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano

Trovi interessanti i nostri articoli?

Seguici e resta informato!