Tag: collaboration

, ,

L’uso di strumenti tecnologici rende l’area HR libera di concentrarsi sulle scelte strategiche, più che sulle questioni amministrative. Lo affermano più di 2mila decision makers del settore HR di otto Paesi europei intervistati da ADP e IDC. E se da un lato la ricerca condotta delle due società rivela che la tecnologie è entrata a far parte dei processi di gestione delle persone, dall’altro evidenzia che c’è ancora una scarsa comunicazione tra i team delle Risorse Umane e l’IT. Leggi tutto >

, , , , , , , , , ,

Se è mutato il modo di interagire e comunicare nella vita privata, a cambiare deve essere anche il mondo professionale. Sempre più imprese stanno cogliendo i reali vantaggi di una nuova organizzazione del lavoro, più flessibile e che permetta di conciliare i tempi di vita con quelli di lavoro. Ma il passaggio non è scontato. C’è bisogno di una svolta culturale.
Per questo esistono società specializzate che sostengono le imprese nel percorso di cambiamento.
Chi Cosa Come, brand creato dalla collaborazione tra Professional Solutions, Studio Platti e Studio Cella, nasce con la mission di offrire alle aziende un servizio a 360 gradi comprensivo di soluzioni innovative, come nel caso dello smart working.
Partendo dal presupposto che non si può fare business senza network, oggi importa tanto la presenza fisica quanto la connessione con tutti gli stakeholder. Servono modalità agili d’interazione, strumenti che permettono di scambiarsi le informazioni in tempo reale. Leggi tutto >

, , , , , ,

T. Raimondi, Manager nella nebbia, ESTE Edizioni 2014.

Introduzione a cura di Dario Scotti, presidente e amministratore delegato di Riso Scotti.

“Sembra banale, ma i manager fingono di non riconoscere la confusione che li circonda. Oppure ne sono coinvolti al punto da perdere la lucidità che ci si aspetta da loro. Se non si riconosce, con umiltà e buon senso, lo stato in cui ci si trova, non si esce dalla nebbia.” Leggi tutto >

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Milano, 7 novembre – Randstad presenta i risultati della Salary, Benefits and Workplace Trends Survey 2014.

Settori poco attraenti o debolezza del brand rendono difficile attirare le migliori risorse umane. Ma ancora una minoranza delle aziende utilizza metodi di selezione personale innovativi: diffusi solo social network e reti professionali. Formazione, bonus e percorsi di crescita professionale i principali benefit per i lavoratori, solo nel 27% dei casi previsto anche uno stipendio interessante. In metà delle aziende, nonostante la crisi, il livello delle retribuzioni è aumentato negli ultimi 12 mesi. Tutto sommato si prevede un andamento positivo per il prossimo annio. Leggi tutto >

  • 1
  • 2

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano