competenze convivio

Sviluppo delle competenze, i trend individuati al ‘Convivio’ di Milano

, , ,

Le aziende cercano dipendenti con “le scintille negli occhi”, ossia determinati, con la voglia di apprendere, con la capacità di lavorare in team e raggiungere gli obiettivi. Competenze che possono essere apprese e allenate, ma sui cui spesso le Piccole e medie imprese italiane non investono.

Quali sono i trend del coaching per lo sviluppo delle competenze è uno dei temi caldi affrontato durante “Il Convivio” di Milano. Per Carlo Boidi, Business Coach di Scoa, infatti, la cultura del coaching sta suscitando maggiore interesse ed è per questo che soprattutto i manager tendono a intraprendere percorsi di formazione. Anche la metodologia, secondo Boidi, è in una fase di sviluppo: “La tendenza è quella di ideare un percorso in base agli obiettivi che si vogliono raggiungere e non più in base a quelli già raggiunti in passato”. Il Business Coach di Scoa ha, inoltre, individuato un altro trend che sta interessando soprattutto aziende evolute nel mondo, ossia il fenomeno della “leadership distribuita”, ossia lasciare ai singoli la libertà di prendere delle decisioni in maniera del tutto autonoma e svincolata dalle gerarchie.

La maggior parte della PMI, invece, continua a investire molto in competenze tecniche, ma ancora troppo poco nelle soft skill. Anche se ci sono delle eccezioni. È il caso di Techint, dove, in una delle realtà milanesi dei Gruppo, un progetto HR di coaching ha portato a importanti risultati in termini di produttività, come ha raccontato Giorgia Natale, Head of HR di Techint: “In qualità di Ufficio del Personale abbiamo fatto da guida per chi in azienda non è abituato a ragionare in termini di skill. Così abbiamo creato tutti insieme un modello di competenze che possa accompagnarci anche nel futuro”.  In un modo che cambia così rapidamente è la resilienza la competenza più importante da allenare, secondo Natale.

Di velocità e necessità di adattamento ha parlato anche Giovanni Tagliaferri, General Manager di Emme Delta Consulting: “Nel contesto odierno è importante che lo sviluppo delle competenze sia legato a un sistema premiante,  perché, al di là della retribuzione, le persone in azienda hanno bisogno di stimoli per raggiungere gli obiettivi”. Al fine, quindi, di raggiungere i risultati è importante allenare i comportamenti: “Le PMI, però, ancora faticano a comprendere che è importante investire in strumenti per allenare le soft skill”.

A guidare le persone in azienda, comunque, restano le “scintille negli occhi”, ossia la passione, la voglia di crescere e di apprendere, come ha raccontato Rosanna Gallo, Amministratrice Unica di Eutropia: “La differenza in azienda la fa chi ha voglia di essere un valore aggiunto. Soprattutto in Millennials hanno bisogno di allenare le competenze trasversali perché se da un lato sono molto preparati dal punto di visto tecnico, non sono bravi altrettanto dal punto di vista dei comportamenti”.

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano