Libertà

Raggiungere un senso gioioso di libertà

, ,

“Sono sempre stato un uomo affamato”, scrive all’inizio del suo libro Marco Poggi, l’autore di Mindfulrevolution, la vita della mindfullness in azienda. Parla di sé, ma credo anche, nel suo auspicio, a nome di ogni essere umano.

Proverò a ripercorrere, dal mio punto di vista, il pensiero che si snoda a partire da questo incipit. Nel farlo, mi trovo innanzitutto a riflettere sulla scrittura, sul modo di narrare. Forse viziato dal mio amore per la letteratura, colgo un affollarsi di riferimenti. Le Memorie dal sottosuolo di Fëdor Dostoevskij iniziano così: “Sono un uomo malato”. E subito Dostoevskij continua: “Sono un uomo cattivo. Un uomo sgradevole”.

Nel romanzo, scritto in prima persona, ci è dato di seguire l’inarrestabile caduta lungo la china che ci porta a essere cattivi e sgradevoli. Cattivi e sgradevoli innanzitutto a noi stessi. E invece Marco Poggi aggiunge più avanti: “Sono anche un uomo fortunato”.

La colazione dei canottieri, Pierre-Auguste Renoir

Il libro che vi accingete a leggere parla infatti di come possiamo – prima come persone, poi anche come lavoratori e manager– cercare e perseguire la via lungo la quale a un certo punto potremo dire: “Mi sentii perfettamente in pace e avvertii crescere delicatamente in me una rinnovata energia vitale”.

Consapevole di non essere il primo a narrare, ma di inserirsi in un fiume di narrazioni, Poggi narra. Ogni persona narra. Non mi stanco di ricordare che nella N di narrare, così come nel latino gnarus, resta traccia della radice indoeuropea da cui discendono anche “conoscenza” e “knowledge”.

Poggi ci parla in questo libro di un percorso, che è in fondo il passaggio dall’essere ignarus all’essere gnarus. Essere affamati è coltivare il desiderio di conoscere. La conoscenza è innanzitutto conoscenza di se stessi. “L’inverno del mio scontento” è il titolo del primo capitolo.

“Now is the winter of our discontent”: così inizia il monologo che apre il Riccardo III di William Shakespeare. Con esplicita citazione shakespeariana John Steinbeck, nel 1961, intitola The winter of our discontent quello che resterà il suo ultimo romanzo.

È un amaro atto d’accusa contro il declino morale, una critica dell’American way of life. In un piccolo centro di provincia vive Ethan, discendente da una famiglia di armatori, è ridotto a guadagnarsi da vivere come commesso in una drogheria.

Insoddisfatto della vita, cerca il riscatto e la ricchezza in una rapina. “Winter of discontent”, emblematica espressione, ritorna sui quotidiani britannici tra il dicembre 1978 e il gennaio 1979. È veramente un inverno freddissimo, di neve come non si vedeva da anni.

In quell’inverno si consuma il tramonto dell’economia fondata sul Welfare State. Con il contemporaneo avvento in Gran Bretagna e negli Usa di Margaret Thatcher e di Ronald Reagan scompaiono protezioni sociali. Ogni essere umano è abbandonato a se stesso.

Costretto a cercare, garantirsi da sé la propria salute, la propria felicità, la propria fortuna. Parlando di sé, l’autore ci mostra una via per cercare da soli il nostro ‘star bene’. Una via, non la via. Poggi non a caso cita in exergo Carlos Castaneda: “Qualsiasi via è solo una via e non c’è nessun affronto a se stessi e agli altri nell’abbandonarla se questo è quello che il cuore ci dice di fare”.

Di solito i libri di argomento professionale – e questo è anche un libro di argomento professionale – rimandano a un codice normativo. Sono scritti da un piccolo dio, un esperto che propina una ricetta. Credo sia questo il motivo per cui questi testi ci infastidiscono.

Marco Poggi si discosta da questo canone. Ci parla della via che ha personalmente seguito, ne racconta per esperienza gli aspetti virtuosi. Ma, già parlandoci di come casualmente, per imprevedibili contingenze, si è avvicinato a questa via, esorta ognuno a cercare la propria.

In senso stretto, la via di cui l’autore ci parla è il protocollo Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR), sviluppato dal medico JonKabat-Zinn. La professione può essere sanamente vissuta solo se resta connessa con la profonda storia personale.

O anzi: le scelte professionali rettamente intese sono l’autobiografia, l’inveramento del proprio percorso di vita. Il modo di essere di Poggi trova spazio nel ruolo di formatore e consulente. Dice di essere fortunato per questo, perché la professione che ha saputo cercarsi “consente a questi miei demoni gioiosamente famelici di manifestarsi”.

Possiamo immaginare che ciò valga anche per Jon Kabat-Zinn. Un biologo molecolare, Professore Emerito di Medicina, figlio di un medico famoso, anch’egli orientato a ricerche di laboratorio e alla ricerca statistico-quantitativa, ha saputo cercare e trovare una sua sintesi.

Trasformando in risorsa professionale, medico-terapeutica, la personale ricerca di se stesso perseguita attraverso lo yoga, la meditazione, lo Zen. Come a dire: ciò da cui ho tratto giovamento, potrà giovare a chi soffre di dolore fisico e psichico.

Così nel 1979 Kabat-Zinn fonda presso University of Massachusetts Medical Center la Mindfulness Based Stress Reduction Clinic. Credo la coincidenza storica sia ricca di significato: sono gli anni dell’inverno del nostro scontento, anni di contrasti, crescente divario tra ricchezza e povertà, culto del denaro, diffuso malessere sociale. Soffre la persona privata del lavoro e soffre il manager costretto a vivere nello stress, nel lacerante conflitto tra la propria storia di vita e il compito assegnato.

La mindfulness è una via, una risposta. Ognuno segue la propria via, ci ricorda incessantemente Poggi. Non posso fare a meno di ricordare quella che mi appare come evidente contiguità. Kabat-Zinn mi appare vicino a Francisco Varela, biologo, filosofo, neuroscienziato, la cui posizione scientifica non può essere separata dal personale percorso di meditazione, lungo i sentieri indicati dal Buddha.

Mindfulness means that the mind is present in embodied everyday experience, scrive Varela in un saggio (di cui sono co-autori Evan Thompson ed Eleanor Rosch). Il titolo del saggio – The Embodied Mind ci ricorda il legame, sulla cui importanza Poggi insiste, tra esperienze mentali e sensazioni corporee. La nostra mente è ineluttabilmente incarnata; tra mente e corpo non c’è scissione.

Solo comprendendo la consonanza inscindibile di mente e corpo possiamo avvicinarci a confidenza, fiducia, rispetto per se stessi, considerazione per gli altri, non-attaccamento, non-odio, non illusione.

Non importa dunque seguire alla lettera regole o dottrine. L’invito è: cercare se stessi. Il nucleo essenziale dell’insegnamento buddhista è una filosofia perenne, della quale troviamo traccia nel remoto sapere tradizionale di ogni cultura.

La vita è segnata dalla sofferenza. L’origine della sofferenza sta nella non accettazione dell’impermanenza, cioè l’incessante, caotico, processo di trasformazione di ogni cosa. Tuttavia, è possibile liberarsi della sofferenza.

“La capacità di stare con pensieri e sentimenti dolorosi”, scrive Poggi, “è basata sul processo di osservazione distaccata”. Così anche il terrorizzante pensiero ‘non ce la farò mai a sopportare tutto questo’, osservato con distacco, “si fa più trasparente e sopportabile”.

“L’accettazione ci insegna a non aver paura del dolore. E, a un livello più profondo, ci insegna ad arrenderci al dolore. Dalla resa possono scaturire una grande dolcezza e una grande forza”. “Dalla pratica della meditazione sorge una mente spontaneamente gioiosa (ispirata da un fondo di buon umore), equanime (favorevolmente disposta all’accettazione di ogni cosa si presenti), gentile e compassionevole”.

Conosciamo altri approcci al self-empowerment, fondati sul negare a se stessi i propri difetti, sul rinforzare a tutti i costi l’autostima, sul crearsi corazze per rendersi impermeabili alle critiche, sul convincersi di essere i forgiatori del proprio destino.

Al contrario, scrive Poggi, “l’individuo consapevole trae la sua forza dall’accettazione di sé, della sua propria imperfezione, dei suoi fantasmi, dei temi irrisolti e dei condizionamenti che, malgrado tutto, continueranno a guidare, come potenze oscure, una parte del suo destino”.

Da questo l’individuo trae forza. Qui sta la forza dell’individuo. La partita si fa dura al giorno d’oggi. Nella vita quotidiana come in azienda. Serve sapersi muovere su questa scena difficile. La meditazione ci indicherà la nostra via.

L’augurio, per tutti noi, sta nel pensare alla nostra portata il raggiungimento di quel “senso gioioso di libertà” che ci permetterà “di stare in scena giocando, di essere spontanei, di esprimerci cioè senza essere preoccupati di corrispondere all’idea che gli altri si sono fatti di noi e a quello che noi pensiamo che gli altri si aspettano da noi”.

Questo intervento di Francesco Varanini fa da introduzione al manuale Mindfulrevolution, la vita della mindfullness in azienda di Marco Poggi.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)


Francesco Varanini

Francesco Varanini ha lavorato per quattro anni in America Latina come antropologo. Quindi per quasi quindici anni presso una grande azienda, dove ha ricoperto posizioni di responsabilità nell’area del personale, dell’organizzazione, dell’Information Technology e del marketing. Successivamente è stato co-fondatore e amministratore delegato del settimanale Internazionale. Da oltre 20 anni è consulente e formatore, si occupa in particolar modo di cambiamento culturale e tecnologico. Ha insegnato per dodici anni presso il corso di laurea in Informatica Umanistica dell’Università di Pisa. Attualmente tiene cicli di seminari presso l’Università di Udine. Nel 2004, presso la casa editrice Este, ha fondato la rivista Persone & Conoscenze, che tuttora dirige. Tra i suoi libri, ricordiamo Romanzi per i manager, Il Principe di Condé (edizione Este), Macchine per pensare.

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - segreteria@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano