Maggiore competitività? Ecco il connubio perfetto

, , , , , ,

Semplificazione, innovazione e crescita. Come creare il perfetto connubio per la competitività delle imprese. Questo il paradigma proposto da ADP nell’occasione di un convegno tenutosi lo scorso febbraio a Palazzo Stelline (Milano). Fittissima l’agenda della giornata. Nicola Uva, strategy and marketing director di ADP introduce i temi dell’incontro, mentre il moderatore Walter Passerini (giornalista della Stampa) intervista Tiziano Treu, ex Ministro del Lavoro e docente di diritto del lavoro presso la Cattolica di Milano. La giornata prosegue con diverse testimonianze a confronto durante la tavola rotonda Come semplificare i processi organizzativi a supporto dell’innovazione e della crescita con voci dal mondo delle imprese; mentre nel pomeriggio si tengono due workshop di approfondimento sui temi della mobilità dei talenti −come sfida e qualità del capitale umano− e del welfare aziendale in un’ottica di work life balance.

Le sfide del cambiamento: conoscerle per affrontarle

Nicola Uva
Nicola Uva
Business development director
Adp Italia

Nicola Uva racconta la vision di ADP al pubblico in sala. “Oggi le sfide che le aziende si trovano ad affrontare non nascono dal nulla, ma dalla naturale evoluzione di situazioni nate nel passato. Abbiamo la necessità di comprendere l’origine e l’evoluzione delle criticità per affrontarle con più consapevolezza.”

Uva analizza il tema seguendo quelle che ADP ritiene essere le ‘5 sfide chiave’ relative alla relazione persona-lavoro, tracciandone l’evoluzione negli ultimi 10 anni. Per introdurre il percorso dell’Italia in questi anni ha individuato il momento ‘di passaggio’ che secondo lui ha condizionato radicalmente il contesto in cui attualmente operiamo.

Correva l’anno 2008…

Il lancio dell’iPhone in oltre 70 Paesi trasforma in modo essenziale il rapporto uomo-tecnologia, marcando gli smartphone come oggetti inseparabili.

Il fallimento della Lehman Brothers dà il via a una crisi –inizialmente solo finanziaria− che rapidamente diventa economica, coinvolgendo anche l’Europa e mettendo a nudo un modello di sviluppo insostenibile.

Il boom del fenomeno social Facebook in Italia, con una crescita che si attesta intorno al 961%, porta con sé l’avvio di un nuovo modello di gestione delle relazioni, della privacy e della vita privata e lavorativa.

“Possiamo sintetizzare così le 5 sfide di oggi. Flessibilità della relazione azienda-lavoratore con una maggior attenzione da parte delle organizzazioni verso le tematiche del work life balance e telelavoro. Staffetta generazionale. Internazionalizzazione delle imprese. A