Le competenze distintive per il valore delle aziende

, , ,

Tutte le aziende di successo hanno in comune il fatto di avere una chiara idea del proprio ‘vantaggio competitivo’, ovvero di quell’ingrediente che le rende speciali, differenti dal resto del mercato e che il cliente è in grado di riconoscere e apprezzare rispetto alla concorrenza. Queste aziende mettono in atto modalità differenti per realizzare i loro prodotti di successo e tali modalità richiedono delle competenze che saranno per questo ‘distintive’ e difficilmente replicabili.

“Pensiamo al design unico della Ferrari e pensiamo alle competenze necessarie alla Ferrari per realizzare macchine così belle”, osserva Diego Malerba, Founder di Execo. “Questo patrimonio intangibile va alimentato e tutelato, poiché è alla base della creazione di valore. A questo punto appare evidente l’utilità derivante da un sistema capace di collegare la strategia con le competenze dei singoli dipendenti (distintive e non), permettendo di avere sempre sotto controllo la disponibilità di risorse intellettive necessarie a garantire l’execution della strategia stessa”.

Ma come è possibile analizzare in modo efficace le competenze all’interno di un’organizzazione?

“Il primo passo è raccogliere le competenze in azienda, al fine di creare una mappa“, spiega Malerba. “Anche in questo caso la tecnologia ci viene in aiuto, poiché, grazie a un algoritmo capace di comprendere del testo (Natural Language Processing, Semantic clustering), possiamo leggere instancabilmente tutti gli annunci di lavoro sul web per identificare le competenze richieste dal mercato al fine di inserirle in un’apposita interfaccia intelligente dove il collaboratore è guidato all’auto identificazione delle proprie competenze”. Il passo successivo è il matching di tali competenze con tutte le posizioni disponibili in azienda, al fine di valutare differenti scenari che portano all’utilizzo ottimale delle risorse.

I vantaggi nel mondo HR

Nell’ambito delle Risorse Umane, le soluzioni tecnologiche basate su Intelligenza Artificiale rappresentano un’opportunità per le aziende. La maggioranza delle applicazioni esistenti oggi in ambito HR riguarda il processo di screening dei CV. Il progetto di Execo “va ben oltre, non solo nella direzione di gestire dinamicamente la mappatura e l’ottimizzazione delle competenze in azienda (avendo un occhio costantemente rivolto all’evoluzione in tempo reale di ciò che viene richiesto dal mercato del lavoro), ma crea le basi per la nascita di una rivoluzionaria ‘self learning organization’ dove il concetto di intelligenza diffusa (…nessuno sa tutto, ma tutti sanno qualcosa) permetterà di sfruttare le sinergie derivanti dall’accesso immediato alle competenze di ciascun individuo”.

Il valore aggiunto dell’utilizzo di sistemi basati su AI per i Direttori del Personale, secondo Malerba, “è paragonabile a quello che si è avuto nel passare dall’uso del pallottoliere a quello della calcolatrice: un enorme guadagno di produttività”. Come dice Ray Kurzweil (uno dei massimi esperti di AI), “non possiamo aumentare biologicamente le dimensioni dei nostri lobi frontali, ma possiamo espandere le nostre capacità con la tecnologia”. Per questo Execo preferisce parlare piuttosto di ‘Intelligenza aumentata’, ovvero della possibilità di aggiungere una sovrumana potenza di calcolo all’umana capacità creativa.

Per approfondire questi temi, Execo organizza l’evento ‘Intelligenza? Artificiale? Solo una complicazione oppure una reale opportunità per l’azienda del futuro? Istruzioni per l’uso e un caso reale su cui riflettere’
in programma giovedì 28 febbraio 2019 alle ore 17.30 presso Alchimia, Via Francesco Brioschi, 17 Milano (zona Navigli-parcheggio convenzionato) CLICCA QUI PER ISCRIVERTI

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - segreteria@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano