La formazione per tutta la vita: come allenarsi ad apprendere?

, , ,

In un’epoca in cui le macchine prendono sempre di più il posto delle persone, quali opportunità di apprendimento sono rimaste all’uomo? Se ne è discusso nella tavola rotonda La formazione per tutta la vita: come allenarsi ad apprendere? nell’ambito dell’evento Formare e Formarsi, organizzato a Milano il 27 settembre 2018 dalla casa editrice ESTE e dalla sua rivista Persone&Conoscenze dedicata alla Direzione del Personale.

Dalla discussione è emerso che ci troviamo dentro questo rapido cambiamento tecnologico, nel quale siamo chiamati a individuare le nostre responsabilità e a uscire dalla zona di comfort. La curiosità e la voglia di apprendere devono guidarci in questo mondo sconosciuto per saper affrontare con maggiore consapevolezza le sfide del presente e del futuro.

I formatori, oggi, possono essere considerati come attivatori di coscienze e facilitatori che mettono in moto meccanismi capaci di ingaggiare le persone. La sfida è quella di interrogarci continuamente sui nostri metodi per saper uscire dalle nostre zone di comfort.

“Oggi dobbiamo essere capaci di guardare i dati e capire come interpretare le informazioni per prendere le decisioni migliori”, ha affermato Lucas Fabbrin, group global learning & development partner di Yoox Net-a-Porter Group. “Dobbiamo utilizzare il tempo che abbiamo a disposizione, grazie al fatto che le macchine sostituiscono alcune nostre mansioni, per imparare nuove capacità e portare valore all’impresa”.

“Bisogna riflettere sulle responsabilità individuali all’interno dell’azienda, mantenendo viva la formazione continua e valorizzando le capacità delle persone, che devono essere sempre al centro della strategia”, ha spiegato Mattea Maggioni, HR Business Partner di G. Sacchi Elettroforniture, sottolineando “l’mportanza del ‘come’ rispetto al ‘cosa’ fare” per coinvolgere le persone nell’apprendimento. “I processi organizzativi vanno rivisti e aggiornati per contribuire al miglioramento dell’azienda”.

Chiara Emma Parisi, Head of Costa Fleet Hotel Training & Leadership and Corporate onboard HR di Costa Crociere, ha parlato delle iniziative della sua azienda nell’ambito della formazione: “Abbiamo attivato programmi di mentorship e reverse mentorship che hanno l’obiettivo di far condividere le competenze tra i profili più senior e quelli più giovani”. Costa Crociere ha anche “programmi long-time di formazione continua del personale che abbracciano tutte le competenze formative, attraverso un learning officer, una persona che si occupa di erogare classi di formazione e amministra la apposita piattaforma formativa online”.

Per Francesco Varanini, direttore responsabile di Persone&Conoscenze, “dobbiamo accettare questa situazione, la centralità della persona è solo ideale, ma l’organizzazione è fatta anche da macchine. Dobbiamo imparare a convivere con altri ‘esseri’, le macchine appunto, che hanno la loro autonomia lavorativa, coltivando la fiducia in noi stessi”. Secondo Varanini, “questa è anche un’occasione per riscoprire chi siamo”.

 

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano