Convivio Direzione del Personale

La Direzione del Personale fra presente, passato e futuro

, ,

Nel mondo del lavoro il passato non è ancora passato e il futuro è già iniziato. Siamo vivendo un periodo di tensioni: l’evoluzione digitale ha cambiato il nostro modo di vivere e lavorare, molte certezze si stanno sgretolando. Dobbiamo entrare in sintonia con un nuovo mondo e il Direttore del Personale ha la responsabilità di dare l’esempio. E per dare l’esempio dobbiamo passare da un generico ‘fare innovazione’ a un’innovazione che parte da noi stessi. Ma l’innovazione richiede coraggio e il coraggio implica che ci si assuma qualche rischio.

Il problema è che stiamo vivendo un’epoca dominata dalla paura, la nostra vita sembra essere dominata dall’aggettivo ‘senza’: temiamo di rimanere senza lavoro, temiamo di venire sostituiti dai robot, abbiamo paura di rimanere da soli e coltiviamo relazioni sempre più virtuali. Siamo bravissimi a infondere paure anche ai nostri figli, continuiamo a dire che stiamo lasciando loro un mondo peggiore di quello che abbiamo ereditato. Siamo sicuri che il problema non sia un altro? Per esempio il fatto che siamo impauriti dal fatto di non sapere che mestiere i nostri figli potranno fare…

Di questi argomenti se n’è parlato al Convivio di Persone&Conoscenze che nel 2018 compie 10 anni. Quale miglior modo per celebrare il decennio alle spalle, trascorso affrontando temi legati legate alle Risorse Umane, se non interrogandosi insieme su quale sarà il futuro che attende la Direzione del Personale, tra nuove sfide e opportunità?

La genesi del progetto si colloca infatti nel novembre 2007 quando la rivista Persone&Conoscenze – unica rivista indipendente dedicata alla Direzione del Personale diretta da Francesco Varanini – inaugura il primo incontro del ciclo di eventi Risorse Umane e non Umane. Il titolo si rivelerà anticipatore di un futuro che dava segnali forti dell’evoluzione del nostro presente.

Colloquio tra Francesco Varanini e NIccolò Branca
Colloquio tra Francesco Varanini e Niccolò Branca

Alla decima edizione del Convivio non poteva quindi fare gli onori di casa che Varanini stesso, aprendo un colloquio con Niccolò Branca, Presidente e Amministratore Delegato di Holding Gruppo Branca International, nonché autore del libro Per fare un manager ci vuole un fiore (Mondadori, 2013) e del blog Per una Economia della Consapevolezza: dietro quest’ultima espressione si cela la convinzione di “ritornare all’essenza di noi stessi” attraverso un percorso di autocoscienza che miri a raggiungere un equilibrio fra intelligenza, cuore e coraggio.

La Direzione del Personale ieri, oggi e domani

Andrea Calò, Marilena Ferri, Luca Vanni, Francesco Varanini e Antonio Rinetti

Nel prosieguo della giornata, si sono riuniti attorno al tavolo tre differenti generazioni di Direttori del Personale, per contribuire ciascuno con il proprio bagaglio di esperienza e di aspettative a disegnare la parabola del cambiamento della funzione, fra passato, presente e futuro.

Antonio Rinetti, già Direttore Risorse Umane di Mediobanca, ha condiviso un’attenta analisi delle trasformazioni che hanno investito il mercato negli anni, con la saggezza e la passione di chi il proprio lavoro se lo porta nel Dna a dispetto della pensione.

Marilena Ferri, Head of HR & Organization di Autogrill, e Luca Vanni, Vice President HR & Organisational Effectiveness EMEA di Nec Corporation, rappresentano la generazione che oggi ha le mani in pasta nella gestione delle risorse umane e vive un tempo di repentini cambiamenti, affrontando con coraggio le sfide che porta con sé.

A rivolgere lo sguardo al futuro, ricco di desideri e aspettative, ci ha pensato Andrea Calò, neo-laureato in Economia specializzazione in Management delle Risorse Umane, che verosimilmente si troverà presto a intraprendere un percorso di crescita all’interno della funzione HR di qualche organizzazione desiderosa di lasciar spazio ai giovani.

I prossimi 10 anni della Direzione del Personale

Per focalizzare l’attenzione sull’approfondimento dello stato dell’arte di prodotti, servizi, consulenza e formazione per chi si occupa di persone nelle organizzazioni, Il Convivio ha potuto vantare un ricco panel di relatori.

I partecipanti alla tavola rotonda

Fra i player di mercato: Daniela Alessandri, District Director Italy South di Berlitz, scuola per la formazione linguistica e manageriale dal 1878; Marco Bossi, Managing Director di Talentia Software Italia, società impegnata nello sviluppo di soluzioni di soluzioni dedicate alle aree di Corporate Performance Management e Human Capital Management; Mario Greganti, Partner di Ideamanagement Human Capital, società che fornisce servizi e soluzioni orientati alla valorizzazione del capitale umano; Marco Poggi, Managing Partner di Mida, che dal 1974 aiuta le persone a esplorare ed esprimere a pieno il proprio potenziale; Roberto Savini Zangrandi, Direttore Generale di Quadrifor, l’Istituto Bilaterale per lo Sviluppo della Formazione dei Quadri del Terziario, Distribuzione e Servizi.

Ad arricchire il confronto non sono mancate le testimonianze di HR impegnati in grandi organizzazioni, come Matteo Melchiorri, Human Capital Officer di Fastweb, Gianfranco Chimirri, Direttore del Personale di Unilever, attualmente la quarta azienda per largo consumo in Italia, e Lionel Sacchi, Global HR Director di Officine Panerai, azienda specializzata nella produzione di orologi subacquei.

Le sfide future

È possibile intravedere già oggi alcuni dei temi che rappresenteranno senza dubbio una sfida per le Direzioni del Personale, a fronte delle trasformazioni che stanno coinvolgendo la funzione e le organizzazioni nel loro complesso.

Se infatti la trasformazione digitale si configura come disruptive, anche in ambito HR si affacciano nuove tecnologie che possono semplificare il processo di gestione delle persone: abbracciando il cambiamento, anche per i Direttori HR sarebbe possibile trasformare il proprio ruolo e abbracciare un orientamento più strategico.

Entra così in gioco l’aspetto della formazione: che sia tecnica, digitale o soft, essa deve essere percepita come parte integrante del percorso di crescita, volta ad arricchire il bagaglio personale dell’individuo e non come qualcosa calato dall’alto. Parallelamente lo sviluppo, come obiettivo a cui tendere affinché la formazione non rimanga fine a se stessa.

Un numero sempre maggiore di aziende sta mostrando interesse per il benessere organizzativo, senza dubbio leva per aumentare l’engagement dei collaboratori e, di conseguenza, la produttività. Fra i numerosi strumenti per raggiungere un obiettivo tanto ambizioso, lo Smart working e altre modalità simili di conciliazione vita-lavoro si stanno delineando come strumenti efficaci.

Quale il compito della Direzione del Personale? Mantenere uno sguardo curioso alle innovazioni introdotte dal mercato e ascoltare con attenzione le esigenze che via via emergono da parte delle persone (differenti per età, situazioni di vita, background, ecc.), così da poter rispondere in modo strategico e contribuire alla costruzione della competitività della propria organizzazione.

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano