I social network professionali: un’opportunità per il responsabile delle risorse umane

, , , , , , , , , ,

di Erica Baroni

Cambia il mondo intorno a noi, cambiano le aziende e cambiano, di conseguenza, anche le modalità con le quali si selezionano le persone che dovranno far parte delle nostre organizzazioni. Uno scenario, quello della ricerca e selezione, che negli ultimi tempi ha visto modificare i propri assetti con l’affermarsi sul mercato dei social network. Perché per trovare i profili giusti si utilizza sempre di più la rete. E i social network professionali si stanno attrezzando: da vetrina a piattaforma integrata per la condivisione di informazioni. In questo articolo approfondiamo, con l’aiuto di Marcello Albergoni, Senior Sales Manager di LinkedIn Italia, il ruolo che i social network professionali possono giocare per i responsabili delle risorse umane.

 

La nuova homepage di LinkedIn: semplice e funzionale

Baroni_81_2Milioni di persone visitano LinkedIn ogni giorno per scoprire e discutere di ciò che conta di più nella vita professionale. LinkedIn presenta un’esperienza di navigazione della Homepage più semplice, che offre rapido accesso a informazioni rilevanti e aggiornamenti che aiuteranno i membri a dare il meglio al lavoro. Ecco le novità:

Un nuovo design, più semplice e piacevole LinkedIn ha rinnovato l’intera homepage per rendere ancora più semplice la ricerca delle informazioni utili. Questo design semplice rende la navigazione della pagina ancora più facile e velocizza la ricerca degli aggiornamenti di cui si ha bisogno, sia che si tratti di una notizia che il capo ha condiviso di recente, sia che si tratti di notizie su qualcuno che ha appena iniziato un nuovo lavoro.

Aggiornamenti principali in alto I principali aggiornamenti e gli articoli relativi al network di ciascun membro verranno visualizzati sopra il feed oppure, selezionando la tab “Più recente”, sarà più semplice vedere tutti gli aggiornamenti nella sezione ‘Aggiornamenti’.

Una sezione aggiornamenti più ricca e intuitiva LinkedIn ha reso la sezione aggiornamenti ancora più ricca, con foto più grandi per una visualizzazione e una scansione più semplici. È anche possibile visualizzare un flusso continuo di aggiornamenti senza dover cliccare su ‘Visualizza di più’ per accedere agli ultimi aggiornamenti dal network. LinkedIn ha inoltre reso più semplice la vista degli argomenti di conversazione dei contatti personali, così da permettere a ciascuno di interagire con loro tramite Like, commenti e condivisioni degli aggiornamenti più importanti. LinkedIn è sempre alla ricerca di nuovi modi per rendere migliore e più efficiente l’esperienza di navigazione, rendendo la Homepage una meta di visita quotidiana per poter ottenere ciò di cui si ha bisogno per essere produttivi e di successo. Questo è solo l’inizio di tante modifiche che LinkedIn intende apportare quest’anno alla Homepage, per offrire personalizzazione e funzionalità. L’obiettivo è quello di rendere l’Homepage di LinkedIn la meta prediletta per scoprire e discutere di ciò che sta a cuore o interessa l’attività di ciascun membro e i suoi contatti. La nuova Homepage sarà proposta a tutti i membri nelle prossime settimane. Ulteriori informazioni disponibili su LinkedIn blog e sul sito LinkedIn.com.

 

Baroni_81_1
Marcello Albergoni

A qualche mese dall’apertura della prima sede in Italia, quali sono gli sviluppi in materia di social network professionali per la ricerca e l’offerta di lavoro? Che obiettivi e aspettative ha LinkedIn per il mercato italiano? LinkedIn è la più grande rete professionale al mondo su Internet con oltre 161 milioni di membri in più di 200 Paesi (31 marzo 2012). LinkedIn punta molto sull’innovazione, muovendo sempre dalle esigenze dei suoi utenti, e questo sta facendo anche in Italia, dove ha aperto una sede, a Milano, nel novembre scorso. LinkedIn è il primo social network mondiale per il business e la più grande rete professionale su Internet; il suo successo scaturisce dall’inedita possibilità di condividere informazioni, esperienze e opportunità di lavoro, mettendo in contatto i professionisti di tutto il mondo. Tutto questo garantisce opportunità di mercato enormi, in particolar modo in Asia ed Europa, dove l’espansione è più rapida. LinkedIn è utilizzato dagli head hunter in cerca di talenti, dai manager per fare carriera, dalle aziende che devono assumere. Oltre due milioni di italiani usano LinkedIn ogni giorno, per trovare e farsi trovare dalle aziende. Su LinkedIn si trovano i contatti che possono aiutarci a fare un salto di carriera e le società in cerca di talenti. Il costante ampliamento del bacino dell’utenza italiana ha condotto automaticamente alla scelta di rafforzare la presenza di LinkedIn sul territorio nazionale con l’apertura di una nuova sede a Milano (ma l’interfaccia in lingua italiana è già attiva da un paio d’anni) in modo da essere presente anche sul nostro mercato, capirne le esigenze e offrire supporto a membri e clienti. L’Italia è il secondo paese europeo in termini di crescita su LinkedIn, attestando l’importanza attribuita dai nostri professionisti ai social media nella gestione e nello sviluppo del proprio percorso professionale. Gli italiani sono ‘social networkers’ avidi e utilizzano il social networking professionale con lo stesso entusiasmo. Più di un terzo dei professionisti è già su LinkedIn. I settori più rappresentati in Italia sono l’It, le telecomunicazioni e il marketing & advertising.

Qual è, per un’azienda, il valore aggiunto nel rivolgersi a LinkedIn per la ricerca della persona giusta, rispetto ai canali di ricerca più tradizionali? LinkedIn si distingue perché, grazie a servizi quali LinkedIn Today, LinkedIn Signal, ai gruppi, alle pagine aziendali e all’aggiornamento di stato, aiuta i suoi utenti, compresele aziende, a prendere decisioni rapide e intelligenti. Il numero dei nostri membri sta vivendo una crescita importante a livello mondiale: molte grandi aziende hanno iniziato ad acquisire le nostre soluzioni, appetibili per imprese di qualsiasi dimensione e settore merceologico che abbiano bisogno di fare recruiting e networking. Le aziende possono creare la propria company page per essere presenti in un mondo social professionale, dove ci sono singoli clienti, fornitori, competitor.

Prevedete in futuro che questa piattaforma possa diventare il canale privilegiato per la selezione dei candidati? In quest’ottica immaginate un’evoluzione della piattaforma? La strategia è sempre stata quella di soddisfare le esigenze dei nostri utenti e, a tal fine, puntiamo sull’innovazione continua. Ed è quello che stiamo già facendo anche in Italia. Oggi molti professionisti sentono la necessità di avere un’identità professionale online ben precisa, ma questa è solo una parte del valore che le persone possono ricavare dalla propria rete professionale. Due tra le più interessanti novità introdotte di recente da LinkedIn sono la nuova Homepage e l’integrazione con il nuovo Microsoft Office.

È possibile l’integrazione di LinkedIn con il nuovo Microsoft Office. Ce ne può parlare? LinkedIn ha lavorato a stretto contatto con Microsoft affinché i propri membri potessero portare il network LinkedIn a condividere la propria esperienza su Microsoft Outlook. Riguardo Outlook Social Connector, con la prossima versione di Office, non sarà più necessario un download aggiuntivo per la sincronizzazione con LinkedIn. Questo significa che basta registrarsi una sola volta con le proprie credenziali di LinkedIn e subito si iniziano a visualizzare le info sul profilo, come foto e attività del proprio network su LinkedIn, riguardo a ciascuna connessione che invia un messaggio. LinkedIn sa bene che molte persone trascorrono la maggior parte del loro orario lavorativo inviando email, e grazie all’integrazione con Outlook Social Connector per il nuovo Office i suoi membri diventeranno ancora più efficienti e produttivi. I membri di LinkedIn non solo saranno al corrente di quello di cui le loro connessioni su LinkedIn discutono e di quello che condividono, avranno anche facile accesso a foto, informazioni e dettagli sui profili degli altri membri, senza mai lasciare Office. LinkedIn sta inoltre lavorando con Microsoft su una nuovaracchiude alcune nuove funzionalità e caratteristiche per i professionisti di oggi.

State lavorando a un libro bianco dedicato all’uso dei social network per il business. Potete anticipare qualcosa ai nostri lettori? LinkedIn è il più grande social network professionale al mondo. La maggior parte delle aziende sviluppa la propria presenza su LinkedIn come parte della politica di assunzione, ma LinkedIn è molto più di un semplice strumento di recruitment, è una piattaforma di networking professionale e un canale di comunicazione B2B. Secondo un recente studio (HubSpot report, 2011), LinkedIn genera un numero quattro volte superiore di ‘comunicazioni rilevanti’, nel B2B, rispetto a qualsiasi altro social network. In questo white paper si evidenziano i vantaggi che un’azienda può trarre dall’avere accesso a un ‘ecosistema’ di LinkedIn strutturato, delineando le modalità adeguate per sviluppare il giusto approccio editoriale per l’azienda e per lo spazio da dedicare ai gruppi. Baroni_81_3

Quali sono le principali sfide delle imprese italiane per l’assunzione? In che modo LinkedIn può essere d’aiuto? Al fine di creare un vero e proprio ecosistema su LinkedIn, un’azienda ha bisogno di creare sinergie tra lo spazio dell’azienda, lo spazio dei professionisti e dei gruppi. Il modo più efficace per farlo è creare collegamenti tra questi spazi, mantenendo però intatte le singole identità e i differenti scopi di ciascuno.

Chi non è alla ricerca di lavoro, perché si dovrebbe iscrivere a LinkedIn? Baroni_81_4LinkedIn avvicina i talenti alle opportunità ma le opportunità si evolvono nel tempo. In un ambiente competitivo come quello odierno, fare personal branding, acquisire maggiore visibilità e fare networking sono elementi essenziali per il successo professionale. I professionisti di oggi vivono sotto una pressione forte, non solo per avere successo, ma soprattutto per averlo in fretta: LinkedIn aumenta la possibilità di trovare nuove opportunità di lavoro, rende più visibile il profilo ai reclutatori e agli addetti alle risorse umane, e questo nonostante il periodo di crisi economica che stiamo attraversando. Inoltre, l’esperto in personal branding William Aruda ha dichiarato che bastano nove minuti al giorno da dedicare a LinkedIn per puntare a una carriera di successo. Il mercato del recruiting è instabile per natura e non si è mai in grado di sapere quali opportunità si potrebbero nascondere dietro l’angolo.Baroni_81_5

Perché è importante, per un professionista delle risorse umane, essere all’interno della piattaforma LinkedIn? LinkedIn offre all’industria del recruiting una risorsa che consente di accedere a milioni di professionisti in tutto il mondo, con dati in tempo reale, a loro disposizione. Entrare in contatto con i candidati passivi dà accesso a un range molto grande e sicuramente migliore di candidati, che non sono necessariamente in cerca di lavoro ma che potrebbero essere i candidati perfetti per un ruolo. L’attività di LinkedIn per i reclutatori si basa su due pilastri: sourcing e employer branding. Baroni_81_6Quest’ultimo parte dalle campagne di comunicazione. E parlando di assunzioni, l’interlocutore principale è il recruiter, al quale viene fornito un accesso praticamente illimitato al network, oltre alla possibilità di pubblicare annunci di lavoro. LinkedIn ha anche lanciato di recente un altro prodotto, chiamato LinkedIn Talent Pipeline che permette ai recruiter di integrare eventuali fonti esterne, come ad esempio un curriculum vitae, in un unico ambiente. Inoltre, nella parte dedicata all’employer branding, si trova lo spazio dedicato alle opportunità di lavoro, che consente alle aziende di promuoversi e di diffondere al meglio le offerte di lavoro. Tale spazio può essere completamente contestualizzato, in base alle esigenze e agli obiettivi della società. Oltre a questi prodotti, LinkedIn offre agli inserzionisti la possibilità di comunicare attraverso delle soluzioni di marketing ad hoc. L’offerta comprende sia i prodotti ‘classici’, come gli annunci testuali, oltre alle opportunità di networking offerte esclusivamente da LinkedIn. Chiunque sia iscritto su LinkedIn ha la possibilità di creare gruppi di discussione: ce ne sono oltre 80 mila sui temi più disparati. Baroni_81_7Quelli legati alla ricerca di lavoro la fanno chiaramente da padrone. Il valore aggiunto del network sta nei gruppi dedicati a specifici settori di business: è qui che si fanno le chiacchiere che contano, girano i rumors, si intercettano le opportunità. È dunque una fonte essenziale per la business intelligence che mette a disposizione un’offerta più ampia rispetto a un job seeker tradizionale, poiché è uno strumento bidirezionale. Abbiamo un’offerta unica per quanto riguarda ricerca e selezione del personale. Per un selezionatore la grande opportunità è raggiungere le persone che non stanno cercando una nuova occupazione, probabilmente i migliori talenti che operano all’interno delle aziende, e che potrebbero essere interessati a una crescita professionale. Inoltre, le funzionalità delle higher solutions danno ai reclutatori il potere di cercare le persone più indicate, costruire una talent pipeline dei possibili candidati e contattarli in maniera riservata per avere un feed back sull’interesse alla posizione offerta.

Lascia un commento

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano