Le caratteristiche dell’HR Manager? Per gli Under 35 sono empatia, motivazione e pazienza.

, , ,

Letizia Belletti è una studentessa del II anno del corso di laurea specialistica in Management per l’impresa dell’Università Cattolica di Milano e progetta di lavorare in ambito HR: nello specifico è interessata alla gestione della motivazione del dipendente e alla creazione di piani di training e formazione.

Letizia Belletti è abbonata a Persone&Conoscenze e Sviluppo&Organizzazione da aprile 2016.

Come ha conosciuto le riviste di Este?
Attualmente sto scrivendo la tesi di laurea sul tema dello smart working: si tratta di un progetto di ricerca empirica che coinvolge quattro realtà aziendali con interviste a manager e dipendenti sul lavoro agile per mettere in evidenza quali sono i benefici di questa nuova modalità di lavoro per l’organizzazione e i suoi collaboratori. Cercando materiali online per sviluppare la mia tesi, ho trovato alcuni interessanti articoli pubblicati su Persone&Conoscenze e Sviluppo&Organizzazione e quindi ho scelto di abbonarmi sottoscrivendo la promozione dedicata agli Under 35

Nel numero di maggio di Persone&Conoscenze il tema della Storia di copertina è “l’alternanza scuola-lavoro”: dal suo punto di vista, c’è un gap da colmare tra l’uscita dal percorso di studi e l’entrata nel mondo lavorativo?
Secondo me sì: i percorsi di studi sono generici e l’università non sempre prepara a gestire ogni situazione, pur insegnando a sviluppare una capacità critica, che ritengo essere molto importante. Il mondo del lavoro, al contrario, richiede di svolgere compiti che gli studenti, in molti casi, non hanno mai fatto. Credo che durante le prime esperienze lavorative, per esempio, possa essere utile per il neoassunto l’affiancamento da parte di una figura senior che possa guidarlo nell’organizzazione.

Che cosa dovrebbe fare la ‘scuola’ per sostenere i giovani a entrare in azienda?
Secondo me potrebbe essere utile inserire all’interno del piano studio un tirocinio formativo obbligatorio per tutti gli studenti: oggi è facoltativo e molti, per diversi motivi, scelgono di non svolgerlo. Tuttavia, molte università forniscono un ottimo sostegno per i career day, utile occasione di incontro tra università e mondo del lavoro.

Quali immagina debbano essere le caratteristiche di un HR Manager?
A mio avviso, chi lavora nella Direzione del Personale dovrebbe essere empatico, paziente e motivato a svolgere nel miglior modo il lavoro per il bene dell’azienda. Durante i miei studi ho incontrato molti HR Manager che rispecchiano questa descrizione, vista la loro capacità di mettere a proprio agio le persone; è però anche facile incontrare chi possiede skill non idonee a svolgere il ruolo…

 

Lascia un commento

© 2017 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158