Autore: Francesco Varanini

Francesco Varanini ha lavorato per quattro anni in America Latina come antropologo. Quindi per quasi quindici anni presso una grande azienda, dove ha ricoperto posizioni di responsabilità nell’area del personale, dell’organizzazione, dell’Information Technology e del marketing. Successivamente è stato co-fondatore e amministratore delegato del settimanale Internazionale. Da oltre 20 anni è consulente e formatore, si occupa in particolar modo di cambiamento culturale e tecnologico. Ha insegnato per dodici anni presso il corso di laurea in Informatica Umanistica dell’Università di Pisa. Attualmente tiene cicli di seminari presso l’Università di Udine. Nel 2004, presso la casa editrice Este, ha fondato la rivista Persone & Conoscenze, che tuttora dirige. Tra i suoi libri, ricordiamo Romanzi per i manager, Il Principe di Condé (edizione Este), Macchine per pensare.
francesco varanini

, , , ,

Il lavoro non si crea per legge. La povertà non la si abolisce con una singola misura. Viviamo, si sa, in un momento in cui gli equilibri geopolitici globali sono particolarmente delicati;

viviamo in un’epoca in cui le tecnologie offrono sempre più opportunità di sostituire con macchine il lavoro umano; viviamo in un momento di rallentamento del tasso di crescita, che tocca in special modo il nostro Paese, gravato dal debito pubblico, da divisioni e anche da una generale carenza di fiducia. Leggi tutto >

francesco varanini

, , ,

“Mio padre, un bravo padre e un manager amato dai propri collaboratori”, racconta Mauro De Martini nella sua rubrica del numero di Dicembre 2018 di Persone&Conoscenze. Il suo modo di narrare è un buon esempio di quella attenzione alle narrazioni che credo sia una delle caratteristiche distintive della nostra rivista.

“Oggi può darsi che le storie di vita di alcuni di noi siano simili a quella di mio padre”, continua De Martini. “Ma ho l’impressione, intervistando molti manager, operai e professionisti, che il ritmo del cambiamento sia aumentato vertiginosamente […] Alla mia età si è chiamati ancora a cambiare, non sempre in modo progressivo. Spesso dobbiamo fare salti notevoli”. Leggi tutto >

Libertà

, ,

“Sono sempre stato un uomo affamato”, scrive all’inizio del suo libro Marco Poggi, l’autore di Mindfulrevolution, la vita della mindfullness in azienda. Parla di sé, ma credo anche, nel suo auspicio, a nome di ogni essere umano.

Proverò a ripercorrere, dal mio punto di vista, il pensiero che si snoda a partire da questo incipit. Nel farlo, mi trovo innanzitutto a riflettere sulla scrittura, sul modo di narrare. Forse viziato dal mio amore per la letteratura, colgo un affollarsi di riferimenti. Le Memorie dal sottosuolo di Fëdor Dostoevskij iniziano così: “Sono un uomo malato”. E subito Dostoevskij continua: “Sono un uomo cattivo. Un uomo sgradevole”.

Nel romanzo, scritto in prima persona, ci è dato di seguire l’inarrestabile caduta lungo la china che ci porta a essere cattivi e sgradevoli. Cattivi e sgradevoli innanzitutto a noi stessi. E invece Marco Poggi aggiunge più avanti: “Sono anche un uomo fortunato”.

Il libro che vi accingete a leggere parla infatti di come possiamo – prima come persone, poi anche come lavoratori e manager– cercare e perseguire la via lungo la quale a un certo punto potremo dire: “Mi sentii perfettamente in pace e avvertii crescere delicatamente in me una rinnovata energia vitale”.

Consapevole di non essere il primo a narrare, ma di inserirsi in un fiume di narrazioni, Poggi narra. Ogni persona narra. Non mi stanco di ricordare che nella N di narrare, così come nel latino gnarus, resta traccia della radice indoeuropea da cui discendono anche “conoscenza” e “knowledge”.

Poggi ci parla in questo libro di un percorso Leggi tutto >

Italia lavoro ESTE

, , ,

Sono infinite le disquisizioni sulla Piccola e media impresa italiana, le cosiddette PMI, al centro del recente progetto multicanale L’Italia al Lavoro. promosso dalla casa editrice ESTE e dalla sua rivista Persone&Conoscenze. Si deve diffidare di quasi tutte le parole spese da società di consulenza e istituzioni finanziarie. Tutti, salvo eccezioni, vogliono insegnare alla Piccola e media impresa come dovrebbe essere, quasi dimenticando che si tratta in molti casi di aziende di successo.

Si dice che la Piccola e media impresa dovrebbe darsi come obiettivo la crescita, e si dice che non sa ben gestire il passaggio generazionale. Ma società di consulenza e istituzioni finanziarie non si mostrano in realtà interessate a capire come la Piccola e media impresa funziona, come esiste. Si vuole colpevolizzare la Piccola e media impresa, proprio perché

resiste ai modelli imposti Leggi tutto >

  • 1
  • 2

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - segreteria@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano