Neuroscienze rizzolatti neuroni specchio

Apprendere grazie alle neuroscienze: a colloquio con Giacomo Rizzolatti

, , , ,

Il quartier generale delle neuroscienze si trova a due passi dal centro di Parma. Dentro il Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università, in un edificio lontano dall’assedio degli studenti che in un giorno di fine estate sono (ancora) alla ricerca spasmodica di informazioni per l’imminente ripresa delle lezioni dell’ateneo, trascorre le sue giornate Giacomo Rizzolatti.

La calma fuori dalla sua porta è solo apparente: il neuroscienziato è costantemente a colloquio con qualcuno che lo insegue (a volte per mesi!) per poter confrontarsi con lui sulla scoperta che lo ha reso noto a livello mondiale. È stato Rizzolatti a coordinare il gruppo di ricercatori dell’Università di Parma che tra gli Anni 80 e 90 si dedicò allo studio della corteccia premotoria fino ad arrivare alla scoperta dei neuroni specchio (detti anche sistema mirror).

Collocando gli elettrodi su un macaco per studiare i neuroni specializzati nel controllo dei movimenti della mano (raccogliere o maneggiare gli oggetti), gli studiosi registravano il comportamento dei singoli neuroni nel cervello della scimmia, mentre l’animale aveva accesso al cibo. La scoperta rivoluzionaria fu che alcuni neuroni del macaco reagirono sia a seguito di un movimento sia osservando uno sperimentatore mentre questi compiva delle azioni come afferrare un oggetto o darlo alla scimmia. Fino a quel momento, infatti, per la scienza era noto il fatto che quei particolari neuroni si attivassero solo per funzioni motorie.

Qualche anno dopo il team di Rizzolatti dimostrò che l’uomo possiede un sistema simile a quello individuato nella scimmia. Una scoperta di una portata realmente significativa. Per capirne i contorni, basti pensare che nel 2011, in occasione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, il Corriere della Sera ha incluso il lavoro del neuroscienziato tra le 10 scoperte scientifiche da ricordare nella storia del nostro Paese.

L’empatia per gestire (meglio) le persone

Neuroscienze rizzolatti neuroni specchio“I neuroni specchio si trovano nelle aree motorie del cervello e si attivano sia quando l’uomo compie un’azione sia quando la osserva”, esordisce Rizzolatti, che Persone&Conoscenze raggiunge per un colloquio in esclusiva. Davanti ai nostri dubbi, lo scienziato prosegue con la spiegazione (volutamente didascalica e senza ricorrere a un linguaggio da esperti per non farci scivolare in ben peggiori perplessità): “Abbiamo chiarito il meccanismo che permette di riconoscere le azioni di altre persone senza però che l’uomo attivi processi complessi”.

La vera rivoluzione sta nel fatto che il meccanismo “è presente nei centri emozionali” e dunque “siamo in grado di capire le emozioni degli altri con il sistema mirror e non attraverso ragionamenti complessi”. Quindi, grazie ai neuroni specchio, che presiedono la nostra capacità di sentire quello che l’altro sente e di capire quello che fa, si sancisce il ruolo fondamentale dell’esperienza nei processi relazionali e di apprendimento. Vuol dire che si può imparare con il corpo vivendo direttamente un’esperienza, ma pure per imitazione, perché –e qui sta uno dei valori della scoperta di Rizzolatti– è stato dimostrato che basta guardare per attivare gli stessi centri cerebrali che sarebbero coinvolti nel caso fosse il soggetto a compiere l’azione.

Ecco perché siamo voluti arrivare fino a Parma per incontrare il neuroscienziato: per capire in che modo le neuroscienze si possono applicare alla gestione delle persone nella vita quotidiana delle organizzazioni. E con noi – è bene precisarlo – Rizzolatti si lascia guidare in una chiacchierata sui temi applicativi delle sue scoperte che poco hanno a che fare con le dissertazioni scientifico.

L’intervista completa a Giacomo Rizzolatti è pubblicata sul numero di Ottobre-Novembre 2016 di Persone&Conoscenze.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2018 ESTE Srl - Via A. Vassallo, 31 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158
logo sernicola sviluppo web milano